di Filippo Mancinelli

La stundentessa di filosofia Kathleen è pervasa dal desiderio di conoscere il male insito nelle persone. Una sera viene trascinata in un vicolo di New York da una vampira che la morde trasformandola a sua volta. Qualche tempo dopo avverà l’incontro con un altro succhiatore di sangue che le insegnerà come controllarsi amalgamandosi con la gente “normale”, ma riuscirà ad astenersi solo per poco tempo. Nel finale la vediamo prendere la comunione da un prete su un letto di ospedale e subito dopo in un cimitero dinanzi alla sua lapide. The Addiction è una profonda riflessione sul tema del nichilismo, della religione (onnipresente nei film di Ferrara) e dell’insicurezza dell’essere umano mai è soddisfatto.