Essere “una rana in fondo al pozzo” – Interpretazione e valore comunicativo dei Chengyu

di Aurora Di Girolamo I chengyu 成语 sono particolari espressioni idiomatiche della lingua cinese che attingono tematicamente ad opere letterarie classiche, fatti storici, leggende e racconti popolari tramandati...

Torre di Babele made in China Le lingue e la politica linguistica in...

A partire dagli anni 50, Mao Zedong 毛泽东 approvò una progressiva semplificazione linguistica e l’introduzione di un sistema di latinizzazione ( il pinyin 拼音) che avrebbero facilitato l’alfabetizzazione e favorito una gestione più strutturata dell’educazione della formazione scolastica. La scelta di Mao portò alla pubblicazione di una lista di caratteri “semplificati” utilizzati in contesti ufficiali ed ora ampiamente diffusa, eccetto a Taiwan dove permane l’uso di caratteri “tradizionali”.

Fare Business in Cina

Come fece il mercante Marco Polo ad ottenere protezione dall’imperatore Kubilay Khan divenendo poi suo fedele consigliere e ambasciatore? Sappiamo che egli mostrò profondo rispetto e grande spirito...

Cinese: una lingua unica al mondo

Quando si studia il cinese è dunque importante capire che ci si trova di fronte ad una lingua dalle origini antichissime, la quale si è evoluta nel corso dei millenni pur mantenendo le sue unicità. I caratteri cinesi sono la più antica forma di scrittura in uso: è come se al giorno d’oggi venissero utilizzati ancora i geroglifici!

A ciascuno la sua email Consigli di global netiquette per una comunicazione efficace...

Come scrivono le email un tedesco, un cinese e un sudafricano? Direte voi, ovvio come faccio io! Avete ragione, in parte. E vi spiego perché. Tra i neologismi creati in questo nuovo millennio c’è la parola “netiquette” che fonde la sempiterna “etichetta” con il net, la rete, l’universo in cui i rapporti umani di questa nuova era prolificano e si consolidano.

La grande rivoluzione di Zhou Youguang, l’inventore del pinyin.

Perché il governo cinese vuole riformare la lingua? La Repubblica Popolare Cinese negli anni 50 si trova di fronte all’ambizioso obiettivo di unificare un territorio vastissimo e abitato da una popolazione ricca di minoranze e parlante una moltitudine di idiomi e dialetti. L’unica soluzione per consentire una diffusione omogenea e capillare del proprio messaggio politico è quella di standardizzare la lingua dello stato, uniformare le regole fonetiche e semplificare le forme morfologiche e sintattiche.

Lo studio di una lingua straniera influenza positivamente il nostro cervello

Lo sapevate che ogni volta che imparate nuove lingue i vostri neuroni impazziscono di gioia? Numerosi studi hanno infatti dimostrato che l’apprendimento di una lingua aumenta le dimensioni e l’elasticità del cervello, rafforza le nostre capacità di comprensione, memoria e concentrazione e migliora le prestazioni e l’elaborazione dei dati da parte delle strutture neuronali.

Must Read